La “CUCINA” TRADIZIONALE NOSTRANA

Rubrichetta aperta ai contributi di noi tutti, magari non solo gastronomici, ma anche ad altri campi in cui valga la pena divulgare le ns tradizioni.

le ricette di Agostino

Agostino Vitali è detto tra noi B.Natale per la sua notevole rassomiglianza a questo personaggio fiabesco, sia fisica che morale. Grande infatti è il suo buon Cuore che lo porta sempre a dare senza chiedere, a noi ma sopratutto nel Sociale!.

Uomo di mare, come molti altri del gruppo, dopo una vita di traversate oceaniche e tirreniche, è personaggio fisso dei ns trekking e co-protagonista delle uscite del "Camminare insieme".

Senza di lui i ns palati non avrebbero conosciuto le gioie "dolci" che rifocillano le ns soste meridiane; famoso tra tutte un favoloso MIRTO che nulla ha a che invidiare a quelli blasonati sardi, ma che anzi ne sovrasta molti: e Lui si preoccupa di servircelo freddo portandoselo dietro in una bottiglietta ben gelata!!

Uomo riservato, era restio a pubblicare le sue ricette, ma alla fine l'esempio di Bastò e Angelo l'ha convinto ed ecco qui le prime due sue specialità: ma dovreste sentire che gelati, con l'aiuto della sua altrettanto dolce signora, prepara nella stagione estiva!

“nociata”

INGREDIENTI: 1000 gr noci sgusciate - 600 gr di miele mille fiori - Foglie d’ alloro fresche ..

PREPARAZIONE: Tagliuzzare finemente i gherigli delle noci. In un tegame mettere il miele a cuocere. La cottura del miele deve avvenire con fuoco basso e rimescolando continuamente. Per verificare la cottura ottimale del miele si lasciano cadere alcune gocce dello stesso in un piattino con acqua fredda, se le gocce rimangono compatte e sode il miele è pronto per aggiungerci il trito delle noci. Incorporare lentamente le noci, altrimenti il miele si raffredda ed è poi difficile amalgamarlo, facendo attenzione che il miele non bruci sul fondo del tegame. Tenerlo sul fuoco fin quando non si è raggiunta un perfetta amalgamazione. Versare il composto su di una spianatoia e tirare una sfoglia dello spessore desiderato. Mantenere il matterello umido e pulito con una pezza umida affinché la miele non vi attacchi. Procedere poi al taglio della sfoglia creando le classiche losanghe.

Riporre i pezzetti di nociata separati uno dall’ altro con delle foglie d’ alloro verdi. .

“MIRTO" (S.Speciale)

INGREDIENTI: Vedi preparazione

PREPARAZIONE: Mettere in un recipiente, a chiusura ermetica, un litro di alcool in infusione con un chilo di bacche mature di mirto*, schiacciare con le mani qualche manciata di bacche. Trascorsi 40 giorni preparare un sciroppo con 800**gr di zucchero ed un litro d’ acqua. Togliere le bacche dall’ alcool e con un attrezzo adatto pressarle per recuperare il succo, filtrare tutto l’ infuso ed aggiungerlo allo sciroppo, mescolare bene ed imbottigliare. Prima di consumarlo farlo riposare per qualche mese.

*   Si ricorda che la legge regionale del Lazio permette la racconta di 300 gr di mirto a persona.        

** Le quantità dell’ acqua e dello zucchero sono indicative, ognuno le può variare a proprio piacimento.

ACE : Agg.30-07-2009

    PUBLISHED BY ACE - GRUPPO TREKKING TIBURZI.